FAQ ESTA: domande e risposte sulla dichiarazione

Avete delle domande riguardo alla vostra dichiarazione ESTA? Scoprite nelle nostre FAQ quali sono le domande più frequenti dei viaggiatori che si recano negli Stati Uniti e ritrovate le corrispondenti risposte dettagliate.  

Fare domanda di ESTA
Valutazione: 4.07 41 voti

Il sistema di autorizzazione ESTA

Definito come un sistema elettronico di autorizzazione al viaggio, l’ESTA è il nuovo dispositivo messo in opera dal governo statunitense per limitare al massimo l’ingresso nel paese delle persone a rischio – immigranti clandestini, criminali, terroristi… Entrato in vigore il 12 gennaio 2009, questo sistema fa parte del programma Visa Waiver Program che permette ai cittadini di una trentina di paesi europei, tra cui l’Italia, ed asiatici di viaggiare negli Stati Uniti senza bisogno di visto.

L’inoltro di questa richiesta di autorizzazione, che deve essere effettuato con un anticipo minimo di 72 ore prima della partenza, segue una procedura ben precisa ovvero la compilazione di un formulario on line tramite questa pagina, il pagamento delle spese di trattamento del dossier e la verifica dello stato della richiesta.

 

Le informazioni richieste per compilare un formulario ESTA

In primo luogo, ogni viaggiatore deve inserire, nell’intestazione del formulario ESTA, le informazioni riguardanti la sua identità, come il nome, la data di nascita e i riferimenti del passaporto. 

Sono necessarie anche alcune informazioni sul viaggio: compagnia aerea, indirizzo di destinazione e numero del volo.

Come per il formulario verde I-94W, le persone autorizzate ad accedere al programma di esenzione dal visto devono rispondere a tutte le domande legate alle condizioni di ammissione sul suolo statunitense. Queste ultime riguardano le malattie contagiose, i problemi con la giustizia (condanne o arresti), le misure di rifiuto o di annullamento del visto…

 

Le spese di una richiesta ESTA

L’8 settembre 2010 il sistema elettronico di autorizzazione al viaggio ESTA è diventato a pagamento. Viene richiesta una somma forfettaria a titolo di spese di trattamento del dossier.

 

Tempi e condizioni di validità dell’ESTA

L’ESTA è valida per due anni a partire dal giorno dell’accettazione della richiesta fatta dal viaggiatore. Offre la possibilità di effettuare numerosi viaggi negli Stati Uniti durante questo periodo senza necessità di inoltrare un’altra richiesta.

Per i viaggi futuri, basta aggiornarla on line e modificare nel formulario alcune informazioni quali il nuovo indirizzo di destinazione.

Tuttavia l’ESTA non è più valido se il passaporto del passeggero giunge a scadenza. La richiesta di una nuova autorizzazione diventa in tal caso obbligatoria. A titolo di precisione, l’ESTA permette ai viaggiatori che beneficiano del sistema di trascorrere un soggiorno massimo di 90 giorni negli Stati Uniti e soltanto per viaggi d’affari e turistici.

 

A chi si rivolge il dispositivo ESTA?

Il dispositivo ESTA si rivolge a tutti i cittadini residenti nei paesi membri del dispositivo che desiderino recarsi sul territorio statunitense per un soggiorno inferiore a 90 giorni o effettuarvi un transito o uno scalo e che siano in possesso di un passaporto valido. Anche i bambini sono interessati da questa autorizzazione.

 

Quando bisogna fare la domanda ESTA?

Tenuto conto del tempo di trattamento di 72 ore della domanda e dell’eventualità di un rifiuto con possibilità di reiterare la propria domanda ESTA, consigliamo di compilare il modulo almeno due settimane prima della data di partenza.

 

Qual è il tempo di trattamento di una domanda ESTA?

Il tempo di trattamento di una domanda ESTA da parte delle autorità statunitensi è nell’ordine delle 72 ore dalla convalida del proprio modulo online. L’accettazione o il rifiuto dell’autorizzazione di viaggio sarà inviato per e-mail all’indirizzo che si sarà indicato nel questionario.

 

Quali documenti sono necessari per effettuare una domanda ESTA?

Per effettuare una domanda ESTA online basterà semplicemente munirsi del passaporto biometrico o elettronico che si utilizzerà in occasione del viaggio negli Stati Uniti.

 

È necessario stampare la propria autorizzazione ESTA?

Poiché l’autorizzazione di viaggio ESTA è un sistema elettronico, non è necessario stampare questo documento perché le autorità interessate saranno automaticamente avvertite dell’avvenuta autorizzazione. Consigliamo tuttavia di conservare con cura il proprio numero di pratica per i viaggi futuri o per qualsiasi modifica ulteriore.

 

Cosa fare in caso di rifiuto?

Se la domanda di autorizzazione di soggiorno viene rifiutata, si può effettuare un’altra domanda dopo 10 giorni apportando, eventualmente, delle modifiche al questionario. All’occorrenza, si potrà effettuare una richiesta di visto tradizionale recandosi presso un’ambasciata statunitense.

 

Quali sono i casi di rifiuto dell’ESTA?

Solo le autorità statunitensi possano prendere una decisione circa l’accettazione o il rifiuto dell’autorizzazione. Le cause di rifiuto principali sono: problemi di fedina penale, un soggiorno che supera i 90 giorni, un precedente rifiuto, informazioni personali errate.

 

È possibile modificare una domanda ESTA?

Grazie al proprio numero di pratica, è possibile, in qualunque momento, apportare delle modifiche alla propria domanda di autorizzazione al viaggio.

 

ESTA e visto

L’ESTA non è un visto. Al contrario del visto, infatti, l’autorizzazione ESTA non garantisce automaticamente l’ingresso nel territorio statunitense. Soltanto gli ufficiali dell’immigrazione hanno il potere di decidere chi può trascorrere un soggiorno negli Stati Uniti e chi no. Al contrario, le persone che dispongono di un visto emesso da un servizio consolare o da un’ambasciata americana, possono soggiornare d’ufficio nel paese a condizione di rispettare i termini del visto in questione.

Fare domanda di ESTA