Quanto tempo ci vuole per ottenere un’autorizzazione ESTA?

Avete in programma di recarvi prossimamente negli Stati Uniti per viaggiare e visitare il paese o nel quadro di una trasferta di lavoro e sapete che il vostro soggiorno non durerà più di 90 giorni. Avete quindi scelto di profittare del programma di esenzione dal visto effettuando online una domanda elettronica di autorizzazione ESTA. Tuttavia, dopo aver compilato e convalidato il formulario non riceverete immediatamente la risposta delle autorità statunitensi e dovrete quindi attendere la conferma della vostra ESTA. Quanto tempo dovrete attendere e quando riceverete questa conferma? È quanto vi proponiamo di scoprire qui in dettaglio.  

Fare domanda di ESTA
Valutazione: 3.92 52 voti

Capire il Programma “Viaggio senza visto”

Ventidue paesi europei, tra cui l’Italia, partecipano al Programma “Viaggio senza visto” che utilizza il formulario ESTA - Electronic system for Travel Authorization

I cittadini provenienti da questi paesi possono entrare nel territorio statunitense senza essere obbligati ad avere un visto.

È stato ideato per filtrare in maniera efficace i viaggiatori che si recano negli Stati Uniti, per facilitare il controllo negli aeroporti e per decongestionare le rappresentanze diplomatiche americane.

Il riempimento del formulario elettronico ESTA è a titolo individuale ed è indispensabile per i viaggiatori, indipendentemente dall’età.

Si noti che non tutti i cittadini dei ventidue paesi sono necessariamente eleggibili all’ESTA e possono esserci dei rifiuti. In questo caso, la sola alternativa è di depositare una richiesta di visto classica presso un’ambasciata.

Si consiglia ai viaggiatori di rispettare questi tempi per non ritardare il loro soggiorno. In vigore dal 12 gennaio 2009, il formulario ESTA è relativamente facile da compilare ma richiede una grande attenzione.

Il formulario ESTA si compone di tre sezioni:

  • una riguarda l’identità della persona e il suo passaporto
  • una riguarda i suoi antecedenti nei confronti della legge
  • e l’ultima concerne le sue intenzione di viaggio.

Gli ingressi alle frontiere terrestri del Messico o del Canada non sono interessati dall’ESTA.

 

Il tempo necessario per una richiesta ESTA

È più prudente considerare un margine di 72 ore per il trattamento delle informazioni anche se la maggior parte delle domande ha esito pochi minuti dopo l’inoltro. È importante sapere che è richiesto un periodo di 10 giorni dopo un primo rifiuto di visto per poterlo rinnovare, e soltanto a condizione che  i requisiti richiesti siano soddisfatti. 

Il risparmio di tempo per i viaggiatori è, quindi, considerevole.

Anche se non è obbligatorio stampare un formulario ESTA, è consigliabile farlo per via dell’importanza delle informazioni che contiene.

Si consiglia di averne due esemplari, il primo da portare con sé in occasione del viaggio, il secondo da archiviare per un eventuale ulteriore soggiorno negli Stati Uniti.

Un cambiamento di passaporto o delle modifiche dei dati identificativi (cognome e sesso) richiedono un rinnovo della richiesta ESTA.

 

Le informazioni da registrare in una richiesta ESTA

Tutte le informazioni richieste devono essere fornite nello stesso modo in cui sono riportate nel passaporto e nel biglietto d’aereo. È fortemente consigliato di averlo davanti nel corso della compilazione per evitare errori. Un formulario ESTA deve quindi necessariamente riportare il cognome e il o i nomi presenti nel passaporto.

Le autorità americane garantiscono la confidenzialità delle informazioni e quindi il viaggiatore non ha nulla da temere a questo proposito.

 

Quando è consigliabile inoltrare una domanda di autorizzazione ESTA?

Come abbiamo appena visto il tempo di ottenimento di un’autorizzazione ESTA è di sole 72 ore al massimo a partire dalla validazione del dossier. Tuttavia ciò non vuol dire che bisogna inoltrarla all’ultimo minuto per organizzare il proprio viaggio negli USA.

Infatti diversecasistiche possono richiedere più di 72 ore e, per non correre il rischio di non potere condurre in porto il proprio progetto di viaggio, è indispensabile tenere conto di questi rischi. Ecco i casi in cui potrebbe essere richiesto un tempo maggiore:

  • L’ESTA viene rifiutata perché le informazioni non sono state fornite correttamente: se ricevete da parte delle autorità statunitensi che hanno studiato il vostro dossier un rifiuto alla domanda di autorizzazione ESTA derivante dal fatto che avete riempito in maniera scorretta uno o l’altro dei campi del formulario avete la possibilità di sottoporre di nuovo la domanda rispettando un tempo minimo di 10 giorni tra la data del rifiuto e quella della nuova domanda.
  • L’ESTA viene rifiutata perché non riempite le condizioni necessarie: in questo caso è possibile che abbiate comunque la possibilità di viaggiare negli USA effettuando una domanda di visto. Questa procedura si fa in ambasciata e non online ed è quindi spesso più lenta e può richiedere diversi mesi.

Per avere tutte le carte in mano ed essere sicuri di effettuare in ogni caso il proprio viaggio negli Stati Uniti, vi raccomandiamo vivamente di inoltrare la domanda di autorizzazione ESTA qualche mese prima della data della partenza. Potrete così preparare più serenamente il vostro soggiorno e profittarne al massimo.

 

Si può ottenere la propria ESTA per posta e in quali tempi?

Il sistema di elettronico di autorizzazione al viaggio ESTA permette di ottenere una risposta alla propria domanda per mail entro 72 ore al massimo ma alcune persone preferiscono avere una traccia cartacea, quindi fisica, della propria ESTA. Quindi, se non disponete di una stampante che vi permetta di stampare la risposta ottenuta per mail, desiderate senz’altro sapere se sia possibile ricevere la propria autorizzazione ESTA per posta.

È possibilissimo ma dipende dal fornitore di servizi che scegliete per riempire il vostro modulo di domanda. Pochi fornitori di servizi propongono infatti l’opzione di invio dell’ESTA per posta come il nostro partner, che offre l’opzione di spedizione a domicilio dell’autorizzazione ESTA stampata. Ovviamente questo servizio è a pagamento ma vi costerà soltanto pochi euro in più a fronte della garanzia di avere con voi il documento ufficiale che attesta l’autorizzazione a soggiornare negli Stati Uniti

Ma in caso di invio dell’ESTA direttamente per posta, quali sono i tempi da mettere in conto? Ovviamente il tempo necessario ad ottenere un qualsiasi documento per posta è generalmente più lungo di quello necessario all’invio per posta elettronica. Anche se la risposta alla domanda da voi inoltrata alle autorità statunitensi non prenderà più tempo ma rimarrà sempre entro un tempo massimo di 72 ore, bisogna ovviamente considerare un tempo supplementare per l’invio per posta.

L’ESTA vi sarà infatti spedita dopo la sua approvazione da parte delle autorità in carico dello studio della vostra domanda. Il tempo di invio dipenderà quindi dalla vostra regione di residenza ma non in genere non sarà superiore a pochi giorni dall’inoltro della domanda. È tuttavia necessario tener conto di questa piccola differenza nel tempo di ottenimento per preparare il viaggio ed inoltrare la domanda nei tempi giusti.

 

Che dovete fare se non avete ricevuto l’ESTA nei tempi previsti?

Anche se le domanda di ESTA non richiedono normalmente più di qualche ora o qualche giorno, per le domande ESTA inviate per posta, succede, raramente, che il tempo previsto di 72 ore venga superato senza che il viaggiatore riceva niente. Se vi trovate in questa situazione ecco come reagire.

La prima cosa da fare è ovviamente verificare che la propria domanda sia stata correttamente registrata. Per farlo, il mezzo più semplice è consultare il proprio estratto conto e verificare che il pagamento tramite carta delle spese di domanda sia stato correttamente effettuato. Se non è questo il caso, vuol dire che c’è stato un problema al momento della registrazione del modulo, come un problema nel pagamento o altro. È necessario quindi rifare al più presto la domanda online per ottenere l’autorizzazione rapidamente. Ricordatevi di verificare bene il numero della carta e di assicurarvi che il vostro conto sia coperto al momento del pagamento.

Se l’addebito delle spese sul vostro conto bancario è avvenuto e se il tempo previsto è passato senza che voi abbiate ricevuto una risposta, il problema va cercato altrove. Nella maggior parte dei casi, la causa del problema è un semplice errore nell’indirizzo mail indicato al momento del riempimento del modulo. In alcuni casi è possibile andare nel sito ufficiale statunitense dell’ESTA e accedere alla propria domanda a partire da alcune informazioni come il cognome e il numero di passaporto. Rimane però la possibilità che non possiate accedervi ugualmente. In questo caso, la cosa migliore è di rifare una domanda completa verificando bene l’indirizzo di posta elettronica prima di inviare il modulo.

Ricordatevi inoltre di verificare la cartella della posta indesiderata della vostra casella di posta elettronica. Può capitare infatti che abbiate ricevuto la risposta ma che sia stata automaticamente traferita nello spam.

 

Per quanto tempo è valida l’ESTA?

Ci siamo preoccupati fin qui, nel dettaglio, dei tempi necessari all’ottenimento dell’autorizzazione ESTA per gli Stati Uniti ma questi tempi non vanno confusi con la durata di validità del permesso di soggiorno.

Il dispositivo ESTA prevede infatti una validità di due anni per tutte le autorizzazioni ottenute e che hanno ricevuto parere favorevole. Di conseguenza avrete la possibilità di utilizzare l’autorizzazione a più riprese durante questo periodo e fare diversi soggiorni o transiti negli USA senza dover rifare interamente la procedura di richiesta. Tuttavia, se alcune informazioni che vi riguardano sono cambiate, per esempio a seguito di un trasloco, di un cambio di passaporto biometrico o elettronico o di un cambiamento di nome, dovrete comunque segnalare queste modifiche, nella maggior parte dei casi tramite una nuova domanda online.

Trascorso il periodo di validità di due anni, l’ESTA non verrà rinnovata automaticamente ma semplicemente scadrà. Se desiderate recarvi di nuovo negli USA trascorsi questi due anni, dovrete quindi inoltrare una nuova domanda di ESTA online riprendendo da capo la procedura e, ovviamente, pagando di nuovo le spese richieste.

Vi ricordiamo anche che la durata del vostro soggiorno negli Stati Uniti non deve superare i 90 giorni. Per i soggiorni più lunghi sarà necessario ottenere un visto classico effettuando la domanda online in un sito dedicato a questa procedura.

Concludendo, avete ora tutte le informazioni necessarie per preparare il vostro viaggio negli Stati Uniti in tempo utile. Badate a tener conto del tempo necessario all’ottenimento della vostra autorizzazione di viaggio ma anche delle altre pratiche indispensabili alla preparazione del vostro soggiorno e prevedete sempre un po’ di tempo ulteriore nel caso in cui incontriate delle difficoltà o dobbiate ricominciare la procedura. Avrete così tutte le possibilità di essere sicuri di potervi recare negli USA senza incorrere in gravi problemi.

Fare domanda di ESTA